30 Settembre 2022

ACMILANINSIDE

DENTRO AL MONDO ROSSONERO

Milan-Udinese 4-2; Buona la prima

In un San Siro in festa il Milan vince all’esordio stagionale contro l’Udinese. Nel complesso ottima la prestazione offerta dai rossoneri che, dopo essere andati in svantaggio, sono stati bravi a ribaltarla ed a chiuderla nel secondo tempo.

Da segnalare gli esordi di De Ketelaere, Origi e Pobega.

Le pagelle

Maignan 6: forse ci ha abituati troppo male nella passata stagione con tutti quei clean sheets, ma bisogna ammettere che oggi poco poteva fare sui due gol dell’Udinese. Bene comunque quando chiamato in causa, il francese si dimostra essere ancora una certezza.

Calabria 7.5: la prima da capitano (ufficiale) non si scorda mai. Prestazione sontuosa di Davide che si è mostrato essere molto presente sia in fase difensiva che in fase offensiva, come dimostra l’assist servito a Rebic in occasione del momentaneo 2-1.

Kalulu 8: partita sontuosa del centrale francese. Sempre attento e decisivo, oggi Pierre si è messo sulle spalle l’intera retroguardia del Milan, mettendo una pezza laddove i suoi compagni di reparto avevano sbagliato. Con Kalulu così, c’è davvero bisogno di un altro centrale?

Tomori 6.5: meno attento del compagno di reparto, viste un paio di sbavature che hanno fatto rimanere col fiato sospeso i tifosi del Milan, Fik ha comunque dimostrato che la sintonia con Kalulu non è andata persa in questi mesi di assenza dai campi.

Theo Hernandez 8: corre, segna e difende. Oramai Theo è diventato un giocatore completo, ad oggi forse il miglior terzino sinistro al mondo. Nulla da dire sulla sua prestazione, vista la qualità che oggi ha messo sia nelle manovre offensive che difensive del Milan.

Bennacer 7.5: grande prestazione di Isma oggi in mezzo al campo. L’algerino ha fatto capire che anche senza Tonali e Kessiè può essere decisivo, ed il modo in cui oggi ha fatto da diga tra la difesa e l’attacco ne è stata la dimostrazione.

Krunic 5.5: l’unico insufficiente della partita di oggi, ma la prestazione di Rade oggi è stata al di sotto delle aspettative. Forse il troppo caldo ed una condizione fisica non ancora ottimale, il bosniaco oggi ha dato l’impressione di essere spaesato ed in palla, come dimostrano anche i diversi appoggi sbagliati in mezzo al campo. (Dal 84′ Tommaso Pobega 6)

Messias 6: il brasiliano non è sembrato essere lucido come lo è stato nel corso della pre-season. Le aspettative che si erano create su di lui oggi sono state un pò smentite, ma col tempo riuscirà ad essere decisivo come crede Stefano Pioli. (Dal 71′ Saelemaekers 6.5: oggi si è notata la voglia di Alexis di spaccare tutto e dimostrare che lui il suo posto al Milan lo vuole. Pimpante, veloce ed intraprendete, il belga si è mostrato essere una spanna sopra al compagno Messias.

Brahim Diaz 8: questo è il Brahim che tutti i tifosi del Milan stavano aspettando da 11 mesi. Veloce, cinico, scaltro, lo spagnolo oggi ha di fatto sbloccato la partita, segnando il gol del momentaneo 3-2 ed offrendo a Rebic l’assist del definitivo 4-2. Ora c’è bisogno però di conferme, perchè CDK scalpita, ed ha dimostrato di sapere il fatto suo. (Dal 71′ De Ketelaere 7: ad ogni tocco di pallone era pura magia, ed il gol annullatogli per il fuorigioco di Origi sarebbe stato la ciliegina sulla torta. Pagato tanto, tanta responsabilità, ma oggi Charles sembrava giocasse col Milan da tanti anni.)

Leao 6.5: non il solito Leao, forse ancora un pò indietro nella condizione, ma in quell’unica azione dove ha deciso di voler fare il ‘Leao’, ha dimostrato a tutti quanto vale e quanto, anche in questa stagione, vorrà essere decisivo. (Dal 84′ Origi 6: si è procurato un fallo, ha mostrato alcuni movimenti del suo repertorio. Insomma, come prima uscita stagionale non è male, ma in fondo ci si aspetta sempre un gol da un bomber come lui.)

Rebic 8: nel ritiro del 4 di luglio Pioli ha detto come questo possa essere il suo anno, ed in questo esordio stagionale il croato lo ha dimostrato. Disponibile e cinico come non mai, Ante ha intenzione di riprendersi dopo la deludente passata stagione, ma la doppietta di oggi fa ben sperare i tifosi del Milan. (Dal 71′ Giroud 6; poteva anche lui iscriversi alla festa ma spreca una palla gol in una situazione di vantaggio. Scalpita per tornare a segnare in campionato, e si nota, ma avrà a disposizione altre 37 partite per “girarsi”)

Pioli 7: dopo una fine di primo tempo shockante, il tecnico campione d’Italia riesce a risollevare l’animo dei suoi ragazzi e, come un traghettatore dalla sua panchina, condurli alla vittoria. Bene anche i cambi e gli inserimenti dei nuovi.

MIGLIORE IN CAMPO: Theo, Kalulu, Brahim, Rebic

PEGGIORE IN CAMPO: Krunic

Facebook
Instagram