27 Novembre 2022

ACMILANINSIDE

DENTRO AL MONDO ROSSONERO

Milan-Monza 4-1; rossoneri dominatori

Il Milan vince nettamente contro il Monza per 4 a 1 ed aggancia momentaneamente in classifica, in attesa della sfida di domani sera dell’Olimpico contro la Roma, il Napoli in vetta. Bene davvero tutti questa sera, in particolare Brahim Diaz ed Origi che, finalmente, ha trovato il primo gol in maglia rossonera.

Le pagelle

Tatarusanu 6.5: poteva fare di più sul gol di Ranocchia? Si. Oggi ha salvato in un paio di occasioni il risultato? Anche. Ha fatto assist? Non sbagli. Oggi il rumeno è sembrato essere tutt’altro giocatore rispetto a quello che di solito siamo abituati a vedere, quasi a voler dimostrare che lui può tranquillamente sostituire Maignan (forse).

Dest 6: soffre un pò le avanzate del Monza sulla sua fascia, ma l’innata indole offensiva lo rende in più circostanze pericoloso. Non a caso è con un suo recupero che parte l’azione del secondo gol milanista. (Dal 45′ Kalulu 6.5: emblematico il richiamo fatto da Pioli ad inizio secondo tempo perchè ha giocato di prima. Quella di oggi forse è stata la prima partaccia che il tecnico rossonero gli ha fatto da qualche anno a questa parte ma, nonostante questo, Pierre questa sera è stato ancora una volta monumentale.)

Kjaer 6: buona anche la prestazione del vichingo danese che, dopo un leggero infortunio muscolare, è tornato a giocare in un match non semplicissimo, visto che per qualità Dani Mota era un attaccante tutt’altro che semplice da affrontare. Nonostante questo è riuscito più volte a frenare le avanzate dell’attaccante biancorosso anche se, quasi sicuramente, la miglior versione di Kjaer in questo inizio di stagione la dobbiamo ancora vedere. (Dal 60′ Gabbia 6: tutto sommato partita tranquilla per Matteo che, sull’ora di gioco, è entrato in campo dovendo semplicemente amministrare il risultato. Alla fine ha eseguito al meglio il suo compito, dimostrandosi ancora una volta molto affidabile.)

Tomori 6: Fik sta piano piano tornando in condizione, nonostante le ultime uscite stagionali abbiano lasciato intendere tutt’altro. L’inglese questa sera ha infatti offerto una prestazione autorevole e molto efficace, affrontando spesso nell’1vs1 gli avversari, vincendo. La sua assenza martedì si farà sentire.

Theo 7: non ci sono più parole per descrivere questo giocatore. E’ da poco tornato da un infortunio importante ma sembra non lo abbia patito per niente. Corre, difende, attacca e si concede anche la gioia dell’assist all’84esimo minuto dopo una cavalcata di 60 metri. La fascia da capitano lo esalta, ma nessuno più di lui la merita in questo momento sul braccio.

Bennacer 6: forse ha risentito un pò della febbre patita in settimana perchè questo pomeriggio Isma non era lucido e sveglio come suo solito. Nonostante questo è comunque riuscito ad offrire una prestazione sufficiente, perchè anche quando non brilla la sua presenza in mezzo al campo si sente.

Pobega 6: prestazione di fisicità e quantità di Tommaso che, per la prima volta da quando è al Milan, ha giocato tutti e 90 i minuti. Qualche scelta dovrebbe andare rivista, ma questi piccoli errori fanno parte di un processo di crescita che il 32 rossonero sta svolgendo.

Messias 6.5: partita di livello del brasiliano che, a sorpresa, è stato uno dei più importanti uomini di questa sfida per Stefano Pioli. Junior ha infatti eseguito al massimo ed in maniera impeccabile entrambe le fasi questo pomeriggio riuscendo anche, quando chiamato in causa, a dare importanti soluzioni in avanti quasi a non patire la stanchezza.

Brahim Diaz 8: il migliore in campo, nulla da dire. Lotta, corre e segna, facendo anche dei gol discretamente belli, perchè quelli di stasera due veri e propri capolavori. Nota stonata nel pomeriggio di San Siro per lo spagnolo è stato l’infortunio patito nel secondo tempo che, di fatto, lo ha costretto ad uscire al 53′. (Dal 53′ De Ketelaere 5: il belga non brilla e non riesce a sbloccarsi. Ad oggi è una delusione, ed il gol mangiatosi a tu per tu con Di Gregorio lascia a bocca aperta. Il 90 rossonero ha però talento, ed ha solo bisogno di sbloccarsi per iniziare a dire la sua con i colori del Milan addosso.)

Rebic 6.5: sta piano piano tornando in condizione, e la prestazione di questa sera ne è la dimostrazione. Corre, attacca ed offre palle invitanti ai compagni che, in diverse occasioni, si sono tramute in pericolose occasioni da rete. Un Ante così serviva come il pane in questo Milan che, sul croato, può puntare. (Dal 60′ Rafael Leao 7: entra e segna, questo è il sunto della prestazione del portoghese. Rafa non si vede granchè nei 30 minuti in campo ma, quando era in possesso, ha sempre creato occasioni pericolose.)

Origi 7.5: finalmente Divock. Il belga segna il suo primo gol con la maglia del Milan, quasi a voler rendere indimenticabile la prima da titolare a San Siro. Alla fine così è stato, perchè il 27 ha offerto una prestazione sontuosa. Oltre al gol Divock si è concesso anche il lusso di offrire l’assist a Brahim per il momentaneo 2-0 del Milan.

Pioli 7: studia al meglio l’avversario in una partita per niente scontata. Il Monza era infatti un avversario più che insidioso ma, con dedizione, lavoro ed attenzione, il Milan è riuscito a portare a casa la vittoria ed agganciare il Napoli in vetta alla classifica di Serie A.

MIGLIORE IN CAMPO- Brahim Diaz

PEGGIORE IN CAMPO- Charles De Ketelaere

Facebook0
Facebook
4
Instagram