Alexis Saelemaekers

Gli obiettivi del mercato del Milan

Gli obiettivi del mercato del Milan, sono stati fin qui chiari e ben delineati. Continueranno ad esserlo anche nell’ultima settimana di calciomercato. I nuovi innesti si stanno integrando molto bene, ma miglioreranno ancora. L’obiettivo principale è portare alla corte di Pioli un vice Giroud, che il prossimo 30 Settembre compirà 37 anni. Per fare questo c’è bisogno, però, di sfoltire la rosa. Stanno procedendo le trattative, l’ultimo in ordine cronologico a lasciare i rossoneri è Lazetic. Per lui un prestito al Fortuna Sittard, giocherà quindi in Eredivise per farsi le ossa.

Ci sono però dei veri e propri rebus da risolvere. Gli obiettivi del mercato del Milan sono chiari, ma come detto ci sono degli ostacoli nel mercato delle uscite. Origi, in primis, che ha rifiutato un’ offerta dall’Arabia Saudita. Punterebbe a tornare in Premier, ma ad ora solo un sondaggio dello Sheffield United. In caso di permanenza in rossonero, rischia di rimanere fuori dalle liste. La trattativa di Ballo- Tourè, che sembrava destinato al Werder Brema, è in stallo per la differenza tra domanda e offerta. Alexis che ha già l’accordo quadriennale con il Betis, ma il Milan non ha ricevuto offerte ufficiali. Punta ad incassare tra gli 8 e i 10 milioni. Per Lorenzo Colombo arriverà il prolungamento di contratto fino al 2028. Il Milan crede in lui, ma se arriverà un vice Giroud, andrà in prestito.

Le altre trattative

Primo su tutto Krunic. In questo momento il bosniaco è titolare e molto apprezzato da Pioli, ma il Fenerbahce si è fatto avanti in maniera insistente. Il Milan non ha chiuso la porta alla cessione, ma a determinate condizioni. Vuole incassare 10/15 milioni dalla cessione. Non è arrivata un’offerta ufficiale vicino a quella cifra. Kjaer, sembra destinato a restare, dopo gli interessamenti della Sampdoria, rifiutati. Farà, probabilmente da chioccia ai più giovani, vista la sua esperienza. Adli mistero della passata stagione, tenterà di rimanere in rossonero e giocarsi le chance. Magari proprio come vice Krunic. Per Caldara la situazione è complicata. Rientrato dal prestito negativo con lo Spezia, tarda la sua cessione temporanea o definitiva, a causa del suo ingaggio elevato. Il Verona aveva provato, ma si è tirato indietro proprio per questo motivo.

LEGGI ANCHE: Milan, è rivoluzione tattica per il coach Stefano Pioli

About the Author: Francesco Fredianelli

Total Views: 25Daily Views: 1

Condividi sui social !

Seguici su Facebook

Fonte:acmilaninside.com

Collabora con noi

Scrivere è tua passione o hai esperienza nei social media ? Contattaci !

Seleziona ruolo di interesse *