7 Febbraio 2023

ACMILANINSIDE

DENTRO AL MONDO ROSSONERO

Lazio-Milan 4-0: è ora di riflettere, rimboccarsi le maniche e lavorare a testa bassa

Il Milan cade, ancora una volta. Per la quarta volta consecutiva i rossoneri deludono, tanto, ma questa volta lo fanno mettendo non solo una volta e per tutte la parola fine alla corsa Scudetto, ma mettendo a rischio anche un’eventuale posto Champions visto che la sconfitta è arrivata contro una diretta concorrente, a questo punto, per uno di quei posti.

Le pagelle

Tatarusanu 4: oramai è diventata un’abitudine giocare alle belle statuine ogni settimana. Anche oggi passivo e poco attento alla manovra dei compagni, ha tante colpe quante ne hanno i compagni di un reparto difensivo che sembra oramai sempre più alla deriva.

Calabria 4: partita da dimenticare ed anche in fretta per il capitano come per tutta la squadra. Non riesce praticamente mai a vincere un 1vs1 con Zaccagni e vive i 90′ in preda al nervosismo, arrivando in ritardo sempre ed ovunque, soprattutto nelle coperture.

Kalulu 4: irriconoscibile in queste ultime settimane. Dopo l’errore di Lecce il francese oggi è stato anche protagonista di un errore sciocco in occasione del fallo da rigore commesso su Pedro.

Tomori 5: quei pochi minuti che gioca lo fa mostrando tutta la sua insicurezza delle ultime settimane. Colpito da un problema muscolare è costretto creando altri e nuovi problemi ad un Pioli che ne avrà già la testa piena. (Dal 24′ Kjaer 4.5: quando una squadra prende 4 gol, è davvero difficile commentare la prestazione di un difensore, soprattutto se esperto come Simon.)

Dest 5: colpevole in occasione del doppio vantaggio dei padroni di casa, l’americano alla fine è stato uno dei pochi che ha provato a impulso alla manovra offensiva dei rossoneri.

Bennacer 5.5: come al solito uno dei pochi che si salva in mezzo ad una tempesta dalla quale il Milan sembra non abbia alcuna intenzione di uscire, o quantomeno reagire. L’ammonizione dell’algerino è poi l’immagine perfetta del momento che stanno vivendo i rossoneri.

Tonali 4.5: una delusione questa sera Sandro, che da seguito alla terribile prestazione di Riad. Anche questa sera l’8 rossonero ha dato l’impressione di essere spompato ed in confusione, e la sua assenza fisica, non mentale, in mezzo al campo si nota.

Messias 4.5: insignificante il suo apporto alla manovra offensiva rossonera. Un paio di sgaloppate sulla fascia fanno credere che qualcosa di buono possa succedere, ma visto il risultato finale si può immaginare come si siano concluse queste azioni. (Dal 59′ Saelemaekers 5)

Diaz 5.5: come al solito uno dei pochi che cera di dare luce alla manovra offensiva rossonera, creando un paio di situazioni di superiorità interessanti, che però non vengono sfruttate dai compagni. Ad oggi, comunque, lo spagnolo è il migliore fra i peggiori e meriterebbe il riscatto.

Leao 5: può salvare la baracca una volta, due, ma il portoghese nulla può fare se non quello che ha cercato comunque oggi. Quelle poche volte che si è affacciato nella metà campo avversaria ha dato impulsi positivi, ma il momento è quello che è. (Dal 79′ Rebic 5.5: ci prova il più possibile facendo quello che i suoi compagni nell’arco dei precedenti 80′ non sono riusciti a fare, ovvero tirare a porta. Ha comunque dato segnali importanti, soprattutto a livello fisico, ed è a questo punto un suo recupero è fondamentale.)

Giroud 4.5: ultimamente non è più in grado di girarsi, e l’uscita dal campo, lenta, ed testa bassa fa capire un pò il momento che sta vivendo tutta la squadra. (Dal 58′ Origi 4.5: non ha praticamente mai toccato un pallone nel corso della mezz’ora nella quale è stato in campo. Okay la serata difficile, ma il belga va così da settimane.)

Pioli 3: menomale che aveva capito quale fosse il problema che aveva colpito in queste ultime due settimane la sua squadra. 4 gol, in questo modo, con questo atteggiamento, non si digeriscono facilmente. C’è da lavorare, tanto, ed anche testa bassa, perchè quanto visto nelle ultime uscite non è assolutamente da squadra campione d’Italia. Ed occhio ora, anche perchè il posto Champions è fortemente a rischio.

Facebook0
Facebook
4
Instagram