27 Novembre 2022

ACMILANINSIDE

DENTRO AL MONDO ROSSONERO

Milan(iste)Inside: Giada Bruno

La nostra rubrica continua presentandovi una grandissima tifosa, nonchè preziosa collaboratrice di AcMilanInside. Lei è Giada, una ragazza nata sotto i colori rossoneri come suo padre, che le ha inculcato la passione per il Milan fin da piccola. Conosciamola insieme:

Nome? Giada

Cittá? Nata e cresciuta a Castrovillari, in provincia di Cosenza, ma ora abito a Roma da due anni in quanto studentessa di medicina.

Perchè sei milanista? Devo la fede rossonera a mio padre, milanista sfegatato che mi ha trasmesso la passione per lo sport e in particolar modo per il Milan.

Giocatore rossonero favorito di sempre? Ho un’idea di Van Basten che mi riporta al concetto di eleganza e qualità, caratteristiche imprescindibili per un ottimo sportivo secondo me.

Giocatore favorito attuale? Ho un debole per Theo Hernandez, cattivo quando necessario e spietato nelle ripartenze. Il connubio perfetto tra velocità e agilità.

Hai un ricordo legato al Milan? Non potrò mai dimenticare la prima volta che vidi San Siro. Era agosto del 2013 e il Milan disputava i preliminari di Champions contro il PSV, all’epoca ero soltanto una ragazzina di 13 anni, ma la fitta allo stomaco che ho sentito dopo aver superato le colonne è inspiegabile. È stata pura magia.

Come vedi la lotta Scudetto? Se due anni fa mi avessero detto che da lì a breve ci saremmo trovati nella lotta scudetto, probabilmente avrei riso tantissimo. Adesso invece che è tutto così palpabile mi rendo conto di quanto sia cresciuta la squadra e di come sia stato necessario Ibra, che ha dato una spinta motivazionale allucinante. Prima delle partite non mi piace mai dare pareri o fare previsioni, sono molto scaramantica, posso soltanto dire che ci spero fino all’ultimo.

Se potessi fare un acquisto, chi compreresti per la prossima stagione? Ultimante girano molti nomi sul prossimo mercato, ma se proprio dovessi sceglierne uno non mi dispiacerebbe Scamacca, fisicamente ha caratteristiche analoghe a quelle di Ibra e Giroud. Ho molta fiducia nella dirigenza attuale, per cui qualsiasi sarà la scelta, sicuramente sarà quella migliore per il nostro Milan.

Un voto all’operato della dirigenza in questi ultimi due anni? Stiamo ancora scontando qualche fastidio procurato dalla dirigenza precedente, per cui non me la sento ancora di dare i pieni voti. 8 per la fiducia che sono stati in grado di creare e far rinascere la squadra come una fenice.

Facebook0
Facebook
4
Instagram