Cutrone

Ex-Milan , la “rivincita” di Patrick Cutrone

Ex-Milan , la “rivincita” di Patrick Cutrone. Un inizio di carriera promettente a cui non ha dato seguito. Ora finalmente la sua rivincita.

Uno spaccato per ripercorrere la carriera di un Ex-Milan, Patrick Cutrone, che da promettente attaccante si è un pò “smarrito” strada facendo perdere le sue tracce al grande pubblico.

Oggi, a 26 anni compiuti, trascina il Como, la squadra della sua città in una storica promozione in Serie A dopo ben 21 anni.

Fonte: acmilan.com

Fonte: acmilan.com

Considerato inizialmente uno dei migliori talenti italiani della sua generazione, è una punta centrale ambidestra che inoltre è abile nel colpo di testa essendo discretamente capace nel gioco aereo. Per il suo senso del gol ad inizio carriera è stato paragonato a Filippo Inzaghi, al quale ha dichiarato di ispirarsi.

I primi passi

All’età di 8 anni viene tesserato dal Milan, nel cui settore giovanile si fa notare realizzando ben 136 gol. Nell’estate 2016 viene aggregato alla prima squadra per il ritiro estivo, dal nuovo allenatore Montella. Il 21 maggio 2017, a 19 anni, esordisce in Serie A, nella vittoria per 3-0 contro il Bologna.

Per la stagione seguente viene inserito stabilmente in prima squadra e il 27 luglio esordisce in Europa League.

Nella gara contro l’Universita Craiova disputata il 3 agosto, segna il primo gol da professionista contribuendo al successo per 2-0. Il 20 agosto 2017, alla 1ª giornata di campionato, realizza la prima rete in Serie A nella gara vinta (per 3-0) sul campo del Crotone. Il 23 novembre realizza la prima doppietta con il Milan, nella gara di Europa League vinta 5-1 contro l’Austria Vienna.

Va a segno anche all’esordio in Coppa Italia, nel successo contro l’Hellas Verona (3-0): nei quarti di finale della stessa competizione, realizza il gol che decide il derby con l’Inter.

Spesso preferito ai nuovi acquisti André Silva e Kalinić, risulta il miglior marcatore stagionale con 18 gol complessivi, 10 dei quali realizzati in campionato. Grazie anche al suo contributo, i rossoneri accedono alla finale della coppa nazionale (poi persa contro la Juventus) e raggiungono un’altra qualificazione in Europa League.

Sembra la nascita di una nuova stella che potrebbe fare le fortune per il Milan, ma non sarà così.

Una carriera da viaggiatore

Nella stagione 2018-2019 risulta il più giovane calciatore italiano a segnare dieci gol nelle coppe europee, nonché il miglior marcatore del Milan in Europa League con dieci gol.

Ma a quanto pare la dirigenza, e l’allenatore dell’epoca, non ripongono in lui speranze a lungo termine: l’arrivo di Gonzalo Higuaín, poi ceduto a gennaio, durante la seconda parte di stagione, e poi l’arrivo di Krzysztof Piątek lo relegano in panchina.

Termina la stagione con 9 gol totali, di cui tre realizzati in campionato e la stessa estate viene ufficializzato il suo trasferimento a titolo definitivo al Wolverhampton per la cifra riportata di 18 milioni di euro più bonus.

Una annata drastica e senza lode, tanto che l’esperienza inglese viene chiusa a metà stagione, con 24 presenze totali e 3 gol.

Cutrone quindi torna in Italia  vestendo la maglia della Fiorentina in prestito biennale.

Ma anche questa non è dimensione per lui: termina la stagione con 4 gol in campionato in 19 presenze.

Nella stagione successiva gioca poco e non convince, poiché la società viola risolve anticipatamente il prestito.

Viene mandato in prestito secco al Valencia, ma anche qui nessuna buona notizia.

 

Nuovo prestito direzione Empoli. In tutto l’anno soltanto due gol.

Finalmente la svolta 

La svolta per questo giovane, e sfortunato, Cutrone avviene il 29 agosto 2022 quando firma un triennale con il Como in Serie B. Gol e tanto cuore, gioca per la squadra della sua città e ci mette tutto se stesso.

Quest’anno segna 14 reti nell’edizione nel campionato cadetto: il Como ottiene il secondo posto che gli vale la promozione in Serie A. Patrick è stato fondamentale per il risultato specialmente nella vittoria contro l’Ascoli su 1-0 decisa dal suo gol e nella partita contro il Venezia segnando la rete del 2-1 vincendo, rivelandosi determinante nel bilancio finale.

Pianto di gioia liberatorio, corsa sotto la sua curva e liberazione per questo ex-Milan che forse avrebbe meritato più fiducia e magari un allenatore che sapesse capirlo e spronarlo, fidandosi di lui.

Ma il calcio è così: prima ti toglie, ma se lo meriti poi ti rende con gli interessi. E noi non possiamo che esserne felici e auguriamo a Patrick tutte le fortune e le soddisfazioni calcistiche possibili!

About the Author: Davide Pisani

Published On: 12 Maggio 2024Tags: , , , , , , , , ,
Total Views: 49Daily Views: 1

Condividi sui social !

Seguici su Facebook

Fonte:acmilaninside.com

Collabora con noi

Scrivere è tua passione o hai esperienza nei social media ? Contattaci !

Seleziona ruolo di interesse *