7 Febbraio 2023

ACMILANINSIDE

DENTRO AL MONDO ROSSONERO

ESCLUSIVA MI/ Bargiggia: “Vedo il Milan piuttosto spento dal punto di vista mentale. Zaniolo? C’è convergenza di valutazione”

La redazione di AcMilanInside ha avuto il piacere di intervistare in esclusiva Paolo Bargiggia noto giornalista. Di seguito le sue parole:

Analisi periodo Milan, come se lo spiega e se riuscirà ad uscirne?

“Chiaramente parlare del Milan in attesa della partita di stasera non è completa come analisi, quello che abbiamo visto adesso alla ripresa post Mondiale è di una squadra piuttosto spenta dal punto di vista mentale. agonistico e di intensità. Ma non credo ad un fatto fisico anche se però ci sono dei giocatori come Theo Hernandez che non sono brillanti in questo periodo e sappiamo tutti quanto incide Theo, anche Giroud in zona gol sta facendo fatica comprensibile anche per l’età anagrafica però credo che Pioli ci abbia messo del suo secondo me nel confondere le idee alla squadra e nel togliere delle certezze. Abbiamo visto con la Roma in campionato quando vinceva 2-0 a tre minuti dalla fine quei cambi che ha fatto, per esempio penso all’inserimento di Saelemaekers-Gabbia e Bennacer-Vranckx che hanno dato l’idea inconscia di dire ai giocatori che forse la partita è finita e poi gli ha tolto le certezze dietro dal punto di vista tattico perché con la Roma e anche con il Torino si è messo a tre e a mio avviso bene non ha fatto. Poi è stato molto negativo non riuscire a mettere sotto il Torino in superiorità numerica dal settantesimo, partendo con una squadra “di rincalzi” per poi mettere i titolari e credo che la gestione dei nuovi acquisti sia un po troppo conservativa cioè Pioli inserisce questi giocatori quasi quando è obbligato ma non gli da continuità, l’unico a cui sta provando a dare continuità è De Katelaere che però per il momento per le cifre è un acquisto che per il momento non ha portato nulla e quindi un acquisto sbagliato e secondo me i segnali che arrivano sul fatto che alle loro condizioni ci stanno provando per Zaniolo è anche un segnale per far capire di non sentirsi completi”

Relativamente al mercato di gennaio, c’è possibilità di vedere Zaniolo vestito di rossonero?

“Ecco su Zaniolo ho parzialmente già risposto, sulle possibilità se la Roma o il Milan non cambieranno richieste per il momento possibilità non ce ne sono nel senso che non c’è convergenza per il momento sulla valutazione del giocatore, dai 30-35 dalla Roma ai 20 del Milan, però per me questa è una cosa che si può appianare però la Roma proprio perché ha l’esigenza entro Gennaio di fare cessioni per una cifra tra i 60 e gli 80 milioni che scaturisce anche dagli accordi presi con l’Uefa è chiaro che per il momento fa fatica e non accetta prestiti onerosi condizionati e non obbligo”

Situazione rinnovi Giroud e Leao: novità?

“Su Giroud anche con le dichiarazioni del giocatore dell’altro giorno è una netta apertura al Milan e credo che non ci saranno problemi per il rinnovo e si andrà verso il prolungamento verso un solo anno senza opzione. Su Leao la cosa va avanti ma è complicata , cioè io ho sempre sostenuto che è complicata e l’ottimismo dei dirigenti del Milan non si traduce in passi avanti perché l’incontro con l’avvocato francese continua ad essere rinviato, perché la proposta che ha fatto il Milan di 7 milioni non è più negoziabile perché c’è un problema di valutazione dell’eventuale clausola rescissoria da inserire e perché soprattutto Leao e il padre e Jorge Mendes che è il consigliere del padre in questo momento sono preoccupati da quella multa che devono pagare allo Sporting e quindi situazione non compromessa che va avanti ma per il momento va avanti adagio, certezze che rinnovi non ce ne sono”

Il recupero dall’infortunio di Ibrahimovic è sempre più incerto: ritiro ipotesi plausibile a fine stagione?

“Secondo me parlare di Ibrahimovic calciatore è un esercizio un pò quasi ironico che suscita ilarità, parliamo di un 41enne con plurime operazioni ed interventi. Secondo me il Milan ha fatto male ha rinnovargli il contratto nella scorsa stagione perché per me quell’effetto positivo del personaggio Ibra all’interno dello spogliatoi sui giovani ha avuto effetto solo all’inizio, poi mi pare che ultimamente Ibra tra interventi, vacanze, pubblicità ed altre attività collaterali non mi sembra cosi vicino vicino dentro lo spogliatoio. Beh mi stupirei se gli venisse rinnovato ancora il contratto e non conterei su di lui perché poi ovviamente si sono trovati con l’acquisto sbagliato di Origi, ma non tanto per gli infortuni ma perché aveva dei numeri non all’altezza. E’ ovvio che se valutiamo il suo acquisto alla luce di un badget molto limitato per il mercato estivo, era a fine contratto quella era l’unica logica ma tecnicamente è stato un erroraccio”

Caso plusvalenze e falso in bilancio: il Milan rischia? e se sì cosa?

“Per il caso plusvalenze per il momento non ci sono segnali di indagini di plusvalenze di altre squadre che non siano la Juve e la giustizia sportiva se non ha degli elementi come intercettazioni ed elementi cartacei che derivano da inchieste penali non è nella condizione e non può valutare soggettivamente come reato delle plusvalenze”

Cosa pensa di Charles De Ketelaere e degli acquisti fatti dal Milan in estate e perché ad oggi non hanno inciso?

“Su De Katelaere mi sono abbastanza espresso, il ragazzo paga lo scotto emotivo di una personalità piuttosto emotiva che ha subito in modo tremendo l’impatto nel nostro campionato, perché lo si vede ultimamente non prova nemmeno più delle giocate particolari, quindi ha paura e gioca in modo banale come un ragazzino qualsiasi della Primavera. Su di lui la valutazione è severa perché il prezzo è stato alto 35 milioni di euro, ma io mi rifiuto di considerarlo un acquisto sbagliato, perché l”area scouting del Milan con Moncada coordinato da Massara e Maldini è di prima qualità e quindi tutti gli acquisti vanno valutati sulla base del progetto finanziario del club, che è un progetto di sostenibilità, quindi con giocatori giovani che possono creare plusvalenza crescere. Certo che De Katelaere in questo momento plusvalenza non ne genererà però va aspettato. Gli altri acquisti sono ingiudicabili perché come detto prima Pioli gli utilizza troppo poco. Un altro mistero è Adli, che secondo me gli farebbe bene andare a giocare in questa finestra di mercato, anche se da quando arriva non si capisce quanta voglia ha di andare e questo è un limite suo, perché allora vuol dire che non ha la mentalità di uno che vuole mettersi in gioco e capire davvero quanto vale. Su gli altri si vedono troppo poco purtroppo e il Milan si è trovato anche ad non avere delle riserve pronte per Maignan e ha secondo e terzo portiere in scadenza, prenderà Sportiello per la prossima stagione che se ci sono stati contatti per provare a portarlo in rossonero già in questa sessione ma l’Atalanta ha risposto picche”

Al netto di oggi, è stato mai registrato qualche movimento interessante dalle parti di casa Milan in questo gennaio?

“Nessun interesse mai svelato se non quello di Sportiello che ho spiegato prima, e tolto Vásquezil portiere colombiano che è stato preso a prescindere da queste esigenze e dal prolungamento dell’assenza di Magnan. Togliendo la questione Zaniolo che già in estate ci erano stati degl interessamenti , poi le richieste assurde della Roma avevano spostato il Milan verso altri obiettivi”

La redazione di ACMilanInside.com, ringrazia Paolo Bargiggia per l’intervista concessa

Facebook0
Facebook
4
Instagram