7 Febbraio 2023

ACMILANINSIDE

DENTRO AL MONDO ROSSONERO

Un modello economico – sportivo

Alla luce dei pesanti avvenimenti in casa Juventus, la maggior parte dei tifosi rossoneri si sarà quasi sicuramente lasciato pervadere da un brivido dietro la schiena. La situazione sembra ancora tutta da chiarire, ma indubbiamente il fatto che “pezzi grossi” del mondo Juventus e del calcio italiano in generale come Andrea Agnelli e Pavel Nedved lascino il proprio posto in società non fa proprio ben sperare.

La forza delle idee

Nella speranza che il tutto possa chiarirsi il più in fretta possibile in favore di squadra, tifosi ed ecosistema calcistico juventino, il pensiero non cambia: nel periodo post Covid il Milan è stato affidato a gente capace che indubbiamente ha sempre evitato di entrare a contatto con presunte plusvalenze e giochi di bilancio, anche a rischio di perdere qualche milione di troppo per strada.

Il livello economico del calcio italiano non è dei migliori ed il Milan, nella figura di Maldini, ha dimostrato sin dall’inizio che con la poca forza economica disponibile in passato, le idee potevano fare la differenza. E la differenza l’hanno fatta le scelte che la società ha deciso di prendere, dimostrandosi tante volte controcorrente, rispetto ad altre concorrenti. Ma il tempo ha dato ragione al Milan.

Un Mondiale che parla rossonero

Ed il tutto è dimostrato dai risultati ottenuti in praticamente tutti i campi: oltre alla situazione economica che sostanzialmente vede ripianato il debito di bilancio, il Milan brilla dei suoi campioni in campo anche in questo preciso momento storico. Al Mondiale in Qatar, giocatori come Theo Hernandez e Rafael Leao stanno brillando. E’ di ieri l’assist decisivo di Dest per Pulisic che spedisce agli ottavi di finale gli Stati Uniti. Senza parlare del record di gol raggiunto da Olivier Giroud con la sua Francia. Una squadra che a detta di molti era andata miracolosamente oltre i propri limiti ma che, guarda caso, continua a non averne.

Facebook0
Facebook
4
Instagram