9 Agosto 2022

ACMILANINSIDE

DENTRO AL MONDO ROSSONERO

Un Milan al ritmo del Tango, conosciamo Enzo Fernandez

Un’editoriale oggi che ha sapore argentino ed al ritmo di Carlos Gardel, famoso cantautore del tango argentino, la dirigenza e la squadra scouting di Moncada guardano in Argentina per rinforzare il centrocampo rossonero, in questo caso a Buenos Aires nei millonarios del River Plate gioca Enzo Fernandez, diamante che viene seguito non solo dal Milan ma anche Real Madrid, Manchester City e United.

Enzo Fernandez la quale posizione naturale è quella del centrocampista centrale, mezz’ala che a partita in corso fa da trequartista, si è messo in mostra finora in questa stagione in Copa De Liga Professional e Copa Libertadores con nove gol e sei assist in 20 presenze dopo essere tornato dal suo periodo in prestito con Defensa y Justicia, oltre a impressionare per il suo contributo complessivo al River Plate; numeri per niente male per un ragazzo della sua età in un calcio tutt’altro che semplice, fisico e molto dispendioso.

Fernandez è un centrocampista versatile, meglio descritto come un numero otto. Attualmente gioca sul lato destro del 4-3-3 del River Plate, la quale squadra sotto Marcelo Gallardo è tatticamente versatile, quindi Fernandez si sente a suo agio quando gli viene chiesto di svolgere ruoli e compiti diversi.

El gordito, soprannome per cui è chiamato da bambino, è altrettanto efficace in possesso con e senza palla. Il suo contributo in possesso è notevole con la capacità di entrare in area e segnare gol, ma anche di scendere più in profondità e aiutare ad abbattere i blocchi difensivi. In difesa eccelle nelle intercettazioni e nello stare basso per contenere la pressione avversaria, a questo si aggiunge la capacità di rubare palla mediante il pressing alto, aspetto molto gradito al gioco di mister Pioli.

Una dei principali pregi di Enzo è proprio il contributo offensivo di un mediante la creazione di occasioni, qualcosa in cui Fernandez eccelle. Dentro e intorno all’area Fernandez ha grande equilibrio e qualità per trovare compagni di squadra, creando occasioni di qualità. Essendo questo uno dei punti di forza del gioco di Fernandez, riesce a gestire 0,56 passaggi chiave ogni 90 minuti e 1,68 passaggi intelligenti (tipo di passaggio che riesce a penetrare la linea difensiva avversaria) ogni 90 minuti, che è ben al di sopra della media.

Per quanto riguarda i punti da migliorare, il posizionamento all’ora di difendere nella propria metà campo non è il migliore, ma vista la sua capacità di rubare palla nell’are avversaria sicuramente potrà migliorare su questo aspetto.

Per concludere è un ragazzo lottatore con ampi margini di miglioramento e che tra l’altro sposerebbe con piacere il progetto dei rossoneri, il ragazzo ha una clausola da 18 milioni ma si vocifera che il River sia disposto a vendere tra i 13-15 milioni di euro (leggi qui), è pero da valutare prima che il passaggio di proprietà avvenga e che tutta la dirigenza sia in linea per trattare e decidere se affondare o meno il colpo, la quale firma è arrivata già oggi (leggi qui). La dirigenza c’è e si muove su tutti i fronti, vedremo se si ballerà di nuovo tango a Milanello con Enzo Fernandez.

Facebook
Instagram