4 Dicembre 2022

ACMILANINSIDE

DENTRO AL MONDO ROSSONERO

Il gigante Milan punta l’Europa

L’arrivo di Divock Origi al Milan è un chiaro segnale. Maldini era stato più che diretto e convinto nell’affermare che dopo la vittoria dello Scudetto e quindi del massimo trofeo a livello nazionali italiano, il Milan, con l’inserimento di 2/3 elementi di esperienza, avrebbe potuto puntare all’Europa che conta con maggiore convinzione. 

Crush Test

Il primo impatto della neo nascente creatura di Maldini e Massara con la Champions League non era stata proprio delle migliori. Ma certe partite sono servite ai ragazzi più giovani per poter crescere. Partite come quelle contro l’Atletico Madrid a San Siro, altre come quelle con il Porto al Dragao, sono match su cui i giovani si sono fossilizzati per crescere. La mortificazione e la disperazione di Tomori, subito dopo l’errore che ha concesso il vantaggio al Liverpool nella partita di ritorno a San Siro durante la fase a gironi, è la chiave di tutto. Gol peraltro segnato in ribattuta dallo stesso Origi, che quasi un anno dopo, indosserà la stessa maglia a cui aveva fatto male in quella occasione

Una crescita continua ed esponenziale

La chiave, come dicevo, è proprio lì, in quegli episodi ed in quelle situazioni. Il Milan di Pioli è un Milan giovane, ma intelligente. Non è un caso se, dopo aver “mollato” lo scudetto all’Inter nello scorso anno, la squadra abbia risposto in modo più maturo nel corso di quest’ultimo campionato. È una squadra che sbaglia, assimila e cresce. Cresce in maniera spropositata in figure come quelle di Kalulu e Tonali. Adesso ci si aspetta che il Milan testimoni la sua crescita anche in campo Europeo dopo l’esperienza della passata stagione in cui i rossoneri, dopo 7 anni di assenza, sono rientrati nella loro competizione. La competizione in cui ha fatto da padrona in passato ed in cui ci si aspetta che si riaffermi nuovamente.

Un tocco di esperienza in più con Divock

Certo i livelli del calcio europeo, al dilà del calcio giocato italiano, sono di tutt’altra fattura. Servirà ben altro per dimostrare che il giovane Milan abbia imparato dai suoi errori. Indubbiamente però fa bene partire da uomini di esperienza come lo stesso Origi, che la Champions League l’hanno vinta ed anche da protagonisti. Lui che ha lasciato il Liverpool da Leggenda. 

Un nuovo capitolo della gloriosa storia del Milan sarà scritto certamente, comunque vada l’anno calcistico che si appresta ad arrivare.

Facebook0
Facebook
4
Instagram